Tag Titolo Abstract Articolo
Campobasso
Un viaggio didattico che ha scelto il Molise quale fonte di ricerca della transumanza e dell’attività pastorale
immagine

(AGMnews) - Pasquale Di Lena - Larino (CB), 29 mag - Dopo la visita, dell’altro giorno, dell’amico de L’Olio di Flora e mio, Nagato Yasuyuki, i suoi ospiti giapponesi, le sorelle Claudia e Tiziana Nuozzi del Caffè Domingo, la Casa del Vento contenta per un’altra visita, altrettanto gradita, di 15 studenti dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenza. L’Università che ha visto giovani molisani laureati brillantemente, fra i quali i miei giovani amici, Serena di Nucci di Agnone e Nicola Del Vecchio di San Giovanni in Galdo. Un viaggio didattico che ha scelto il Molise quale fonte di ricerca della transumanza e dell’attività pastorale, ma anche scoperta delle sue produzioni tipiche e della sua variegata e immensa cucina. Quale migliore occasione, il rientro dei carri a chiusura dei tre giorni dedicati al patrono della Città di Larino, San Pardo. Una festa che è legata alla storia della Transumanza grazie alla centralità di Larino lungo questi percorsi erbosi, vere e proprie autostrade verdi che i pastori con gli animali percorrevano in primavera e all’inizio dell’autunno, in quel loro trac (andare) e tur (tornare) dal mare e dalla pianura della Puglia alle montagne abruzzesi e viceversa, alla ricerca dell’energia primaria, il cibo. La grande attualità di una festa fortemente partecipata dal popolo larinese e dai numerosi ospiti, che trova le sue origine in tempi assai lontani, al pari della carrese di San Martino in Pensilis, poi ripresa dalle comunità albanesi che si sono insediate nella metà del ‘500, Ururi, Portocannone e Chieuti, la porta della Puglia poco dopo il fiume Fortore. Una straordinaria tradizione di millenni che trova le sue ragioni, prima, nella pastorizia e, poi, nell’agricoltura, quale espressione di un territorio fonte di storia e di cultura, ambienti e paesaggi e, con la sua agricoltura e pastorizia, il suo fiume, fonte anche di cibo di qualità. Non potevo non sottolineare ai giovani ospiti de La Casa del Vento, il valore e il significato del territorio e il suo essere origine della qualità, in primo luogo del cibo. L’occasione per degustare insieme una “accuasale”, pane raffermo bagnato e condito con quello che ora ti dà l’orto, una spruzzatina di aceto e olio a legare i diversi profumi e sapori; una frittatina con code di aglio fresco e fiori di zucca; pizza bianca con peroni fritti; formaggio e caciocavallo freschi di Romualdi e la Tintilia 2012 di Di Majo. L’occasione anche per un minicorso di degustazione de L’Olio di Flora con il racconto dei tanti successi ottenuti sin dalla sua prima bottiglia nel 2007 quando ha vinto “Goccia d’Oro”, il concorso che più apprezzo perché non dà spazio a quelli che fanno l’olio tutto e solo destinato ai concorsi. Con il tramonto, che ha salutato il giorno sulla cime più alta della Maiella, la chiusura di un incontro molto bello e, soprattutto, interessante per l’attenta partecipazione dei componenti del gruppo di studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenza, in Piemonte.

Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 29 mag - Si sono svolte a Campobasso, Isernia, Termoli e Carovilli, nei giorni 13,14, 21 e 27 maggio, quattro giornate dedicate ai temi della Protezione Civile. La Direzione regionale dei Vigili del fuoco del Molise ha partecipato con ampia disponibilità al Progetto per la diffusione della cultura di Protezione Civile "Scuola Multimediale di Protezione Civile" per l’anno Scolastico 2015-16, programmando e coordinando l’attività effettuata dalla componente del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. Un importante contributo è stato dato dal personale dei Comandi Provinciali VV.F. di Campobasso ed Isernia al progetto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, a cui hanno preso parte oltre al personale del Servizio regionale di P.C. del Molise, anche il personale delle Forze dell’ordine provinciali, del 118 Molise e delle  organizzazioni di volontariato di Protezione Civile, nelle manovre di simulazione di situazioni di emergenza presso alcuni plessi scolastici e nell’allestimento di stand-isole espositive delle attrezzature e delle attività specifiche di ogni componente. In particolare l’attività ha interessato l’Istituto Comprensivo  D’Ovidio di Campobasso, l’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII di Isernia, la Direzione didattica del I Circolo di Termoli, e l’Istituto Comprensivo Molise Altissimo di Carovilli (IS) ed è stata finalizzata allo svolgimento di prove di evacuazione in situazioni di pericolo da questi plessi scolastici della regione, con il salvataggio di alunni rimasti coinvolti dall’evento incidentale. Le simulazioni hanno permesso di verificare i tempi di esodo degli alunni e i tempi di arrivo delle squadre di soccorso, nonché la fruibilità degli spazi esterni fino al raggiungimento dei punti di raccolta dei plessi scolastici. Dopo le simulazioni, in entrambe le sedi, a cura dei vari operatori presenti, sono state svolte alcune simulazioni di soccorso al fine di far conoscere ai ragazzi delle scuole i mezzi e le attrezzature utilizzati dagli operatori. La manifestazione ha previsto anche un momento formativo con  il posizionamento nelle maggiori piazze dei comuni interessati, di uomini e mezzi  dediti ad illustrare nelle isole espositive i compiti istituzionali e, nello specifico, per quanto di competenza del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco,  delle attrezzature  e dispositivi di protezione individuali utilizzati nelle svariate operazioni di soccorso. I vertici della Protezione Civile presenti alle simulazioni hanno dimostrato apprezzamento per la valida e coordinata partecipazione delle componenti VVf intervenute.

 

 

 

 

Isernia
immagine

(AGMnews) - Isernia, 29 mag - E’ di tre truffatori denunciati all’Autorità Giudiziaria, l’esito di una attività di indagine dei Carabinieri in provincia di Isernia. Si tratta nel dettaglio di due pregiudicati, un 26enne ed un 52enne della provincia di Foggia, e di un 60enne della provincia di Siracusa. I primi due sono stati incastrati dalle indagini condotte dai militari della Stazione di Isernia, che hanno accertato che i due acquistavano da una donna residente nel capoluogo “pentro”, un’autovettura Mercedes classe E, messa in vendita su un sito internet, pagando con un assegno poi risultato essere contraffatto. Il terzo truffatore è stato invece denunciato dai Carabinieri della Stazione di Venafro, dopo un’attività di indagine anche di natura tecnica, in quanto attraverso una serie di artifizi e raggiri, si faceva accreditare una somma di alcune migliaia di euro, a mezzo ricarica postepay, quale acconto per la vendita online di un’autovettura Jeep Gran Cherokee, da una giovane donna originaria di Piedimonte Matese, in provincia di Caserta, e residente nel venafrano, scoprendo successivamente che il veicolo era praticamente inesistente. Quello delle truffe è considerato senz’altro uno dei reati più odiosi, di cui spesso rimangono vittime quelle categorie di cittadini ritenute più vulnerabili, ed è per questo motivo che i Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia stanno riservando una particolare attenzione al fenomeno, basti pensare che dall’inizio dell’anno sono saliti a venticinque il numero di soggetti dediti alle truffe, identificati e denunciati alla Procura della Repubblica di Isernia da parte dei militari della “Benemerita”. Attività che sono state intensificate anche attraverso una costante opera di prevenzione con incontri con la cittadinanza presso parrocchie e scuole, nonché attraverso la distribuzione e la pubblicazione di un vademecum comprensivo di utilissimi consigli per evitare di rimanere vittime di truffe. Di recente sull’argomento anche la produzione e la trasmissione di un video sulle principali emittenti TV della Regione.      

Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 29 mag - Un incontro pubblico partecipato quello che si è tenuto venerdì a Vinchiaturo (CB) per la presentazione del calendario venatorio 2016/2017 e del Piano Faunistico Venatorio regionale del Molise che, dopo l’approvazione in Giunta lo scorso 24 maggio 2016, approderà presto in Consiglio. L’occasione è stata utile per fare il punto sull’imponente lavoro svolto per approvare il calendario venatorio entro il 15 giugno e per dotare la Regione di uno strumento fondamentale per la tutela e conservazione del suo patrimonio faunistico. Ad aprire e moderare i lavori Romeo Trotta. Il rappresentante dell’ufficio legale Libera Caccia, ha sottolineato come il lungo lavoro svolto in sinergia con le parti interessate, abbia portato non solo al miglior calendario venatorio che al momento il Molise potesse avere, ma soprattutto ad approvarlo nei tempi previsti dalla legge 157 del 1992. Un risultato importante riconosciuto e apprezzato anche dai Presidenti delle associazioni venatorie, Giovanni Grieco (FIDC-CB), Luca Simone (ARCI CACCIA), Fausto Santagata (ITALCACCIA) e Alfonso Tagliamonte (ENALCACCIA) che, nei loro interventi, hanno ringraziato in particolar modo il Consigliere delegato alla caccia, Cristiano di Pietro e tutta la struttura regionale per aver concretizzato quanto promesso, a differenza delle precedenti legislature. In sala anche il Presidente onorario del “Molise di tutti” l’On. Antonio Di Pietro che, tra gli applausi dei presenti, ha posto l’accento sull’importanza di aver rispettato quanto previsto dalla legge, pubblicando un calendario che allinea il Molise al resto d’Italia. Dall’Onorevole di Pietro è giunta anche l’esortazione a denunciare le anomalie, chiaro riferimento all’espediente utilizzato da alcuni cacciatori provenienti da fuori regione che fanno richiesta di residenza in Molise solo per beneficiare dei vantaggi ad essa collegati a scapito dei cacciatori locali. Il Direttore del servizio caccia della regione Molise, Gaspare Tocci ha sottolineato il valore del cacciatore sul territorio, inteso sia come sentinella e garante dell’ambiente, che come apporto dato all’economia locale. Poi un passaggio sul calendario venatorio che è stato scritto in Consulta con i cacciatori cercando di inglobare i consigli provenienti da tutti, anche dalle associazioni ambientaliste sempre nel rispetto delle normative vigenti. “Con il Calendario venatorio e il Piano Faunistico regionale, portiamo a casa due risultati importanti, fermo restando l’intenzione di migliorarli e perfezionarli, il commento del consigliere delegato Cristiano di Pietro. La nostra priorità, ha continuato Di Pietro, era quella di approvare tutto entro i termini di legge e ci siamo riusciti, un obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione e al continuo e costante confronto con le associazioni. Il Nostro Piano Faunistico Venatorio, rappresenta quindi, lo strumento fondamentale con il quale vengono definite le linee di pianificazione e di programmazione delle attività da svolgere sull’intero territorio per la conservazione e gestione delle popolazioni faunistiche e, nel rispetto delle finalità di tutela perseguite dalle normative vigenti, per il prelievo venatorio. La nuova pianificazione regionale, valida per il quinquennio 2016 - 2021, è stata aggiornata rispetto a quella precedente (1998 - 2003) nel rispetto sia delle nuove normative regionali, nazionali, comunitarie ed internazionali. Continuiamo a dialogare e a collaborare per migliorare quanto fatto fin ora con appositi emendamenti” la sua esortazione finale rivolta ai presenti . A chiudere l’incontro pubblico il Presidente della Regione Molise, Paolo Di Laura Frattura. “Quando ci sono entusiasmo, passione, senso del dovere e rispetto degli impegni i risultati si vedono, il commento del Presidente che ha fornito rassicurazioni anche sul pagamento del debito regionale agli ATC. L’impegno è stato mantenuto, ha concluso il Presidente auspicando che il metodo della normalità e della condivisione utilizzato per giungere all’approvazione del Calendario e del Piano Faunistico, possa caratterizzare anche i prossimi due anni del mandato.

Lazio Meridionale
immagine

(AGMnews) - Cassino (FR), 29 mag - “Complimenti ai ragazzi dell’istituto comprensivo Cassino II che hanno vinto il premio James Fox 2016.”  Le congratulazioni agli studenti arrivano direttamente dal sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone. “Quando nel mese di marzo – ha continuato il sindaco – la dottoressa Falso, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Cassino II, ha iscritto i ragazzi delle nostre scuole al Contest I Love My City 2016 di James Fox, avevamo la certezza che potesse arrivare una grande risultato. Bene, nelle finali che si sono tenuto ieri al Teatro Brancaccio di Roma i nostri ragazzi sono arrivati primi in una sfida impegnativa che li ha visti confrontarsi con gli studenti di altre 16 città della Regione Lazio. James Fox è il superamico della sicurezza che utilizzando un linguaggio giovanile parla ai ragazzi avvalendosi di strumenti interattivi e multimediali con l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni, ma anche gli adulti, sul tema della sicurezza, delle legalità e della prevenzione. Un concorso articolato in più fasi che è partito nel mese di marzo co la formazione in classe durante la quale alunni ed insegnanti hanno conosciuto gli agenti speciali della Squadra JFox che, con strumenti tecnologici ed interattivi come televoter, sistemi cross mediali ed interazioni con social network, hanno affrontato con loro i temi della sicurezza stradale e della legalità. Terminato il periodo di formazione i ragazzi hanno affrontato le olimpiadi della sicurezza ed una serie di missioni chiamate ‘RIM – Rimbalza Il Malintenzionato’ grazie alle quali, con l’aiuto di genitori, parenti, amici, sono diventati agenti della squadra JFox. Un percorso che li ha visti assoluti protagonisti fino al raggiungimento del riconoscimento più alto con il primo posto e la premiazione avvenuta nella giornata di ieri. Mi complimento con la dottoressa Antonella Falso per aver colto questa opportunità e iscritto i propri alunni ad una manifestazione altamente educativa che favorisce lo sviluppo di modelli di comportamento socialmente responsabili. Un concorso che  premia la legalità ed i comportamenti corretti utilizzando strumenti vicini alle sensibilità giovanili. Ma soprattutto, ancora una volta, mi complimento con i nostri ragazzi che hanno dimostrato grandi capacità nel portare avanti un’azione di prevenzione per rendere la città in cui si vive sicura e senza rischi. Da questo punto di vista possiamo dire che Cassino ha una nuova generazione che sta crescendo con quei valori che sono la base per costruire una società e quindi una città in cui il rispetto delle regole è il punto di partenza per ottenere i migliori risultati anche negli altri campi.” Presente alla premiazione l’assessore all’istruzione Danilo Grossi che ha aggiunto: “è stata una grandissima emozione quando ieri al teatro Brancaccio nel momento della premiazione è comparso sullo schermo il nome di Cassino. Un riconoscimento al grande lavoro svolto da questi splendidi ragazzi che sono il futuro della nostra società ed all’intero corpo dirigente e docente dell’istituto comprensivo Cassino II. La testimonianza di come quando i progetti vengono portanti avanti con passione, entusiasmo e competenza i risultati arrivano sempre. Sono sicuro che il primo posto ottenuto in un confronto con studenti di ben altre 16 città del Lazio rappresenti la base per proseguire questo percorso che vede i nostri ragazzi assoluti protagonisti.”

Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 28 mag - Il turismo locale accompagnato da una governance attenta e mirata a una visione organica e sistemica pubblico-privato, necessaria per favorire lo sviluppo del settore: nasce il Distretto turistico del Molise orientale. Giovedì sera a Palazzo Vitale la riunione della Conferenza dei servizi, presieduta dal presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura. All’incontro, convocato per delimitare l’ambito territoriale del consorzio attraverso l’adesione formale dei Comuni ricadenti nell’area Molise orientale, hanno preso parte tutti i sindaci dei centri interessanti, il commissario straordinario dell’Azienda di soggiorno e turismo di Termoli, Remo Di Giandomenico, e il consigliere delegato, Domenico Di Nunzio. “Il turismo e il suo sviluppo al centro dell’attenzione e delle scelte del nostro governo regionale: nel Patto per il Molise la scommessa più grande con progetti e interventi per 109 milioni di euro. Forti di questi straordinari strumenti andiamo avanti per promuovere lo sviluppo di un settore strategico per la nostra economia. Il Distretto turistico del Molise orientale nasce con premesse e obiettivi ben precisi, diventare riferimento, con un suo marchio, nel racconto che stiamo intessendo del nostro Molise. Ringrazio tutti i sindaci che hanno accettato, condividendola, questa sfida come una squadra unita e proiettata verso la crescita della nostra regione”, il saluto del presidente Frattura. A fare parte del Distretto turistico “Molise orientale”, i comuni di Acquaviva Collecroce, Bonefro, Campomarino, Casacalenda, Castelbottaccio, Castelmauro, Civitacampomarano, Colletorto, Gambatesa, Guardialfiera, Guglionesi, Larino, Lupara, Macchia Valfortore, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montelongo, Montemitro,  Montenero di Bisaccia, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Palata, Petacciato, Portocannone, Provvidenti, Ripabottoni, Roccavivara, Rotello, Salcito, Santa Croce di Magliano, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Giuliano di Puglia, San Martino in Pensilis, Sant’Elia a Pianisi, Tavenna, Termoli, Trivento e Ururi. “Il Distretto – ha sottolineato Frattura –, accompagnerà le imprese che investono e che investiranno in questo settore, offrendosi quale punto interlocutore certo. È un fatto importantissimo”. Il consorzio, come ha spiegato nel merito il commissario Di Giandomenico, prevede la partecipazione di soggetti pubblici, privati e imprese portatori di interesse nello sviluppo turistico. L’associazione promuoverà mediante un’organizzazione comune lo sviluppo socio-economico del territorio ricompreso nella fascia del Molise orientale; sosterrà attività e processi di aggregazione e integrazione tra imprese e enti pubblici; coordinerà e integrerà i diversi interventi intersettoriali e infrastrutturali necessari alla qualificazione e alla specializzazione dell’offerta turistica e sosterrà le attività produttive legate ai prodotti inseribili nel settore turistico; promuoverà l’adesione delle imprese; identificherà, gestirà e tutelerà il marchio “Molise orientale”. “Avviamo un percorso – ha aggiunto Frattura –, che ci metterà nelle condizioni di favorire le imprese nella costruzione di un’offerta turistica organica e integrata che includa e coinvolga in un sistema di rete un’ampia parte del territorio identificata da un contesto omogeneo per vicinanza, tradizioni e cultura. Da qui partiremo per produrre e offrire in filiera il nostro prodotto turistico”. Per il presidente della Regione “fondamentale in questo senso la nostra capacità di essere uniti, non solo comuni limitrofi, ma ancora di più soggetti pubblici e privati, imprese attive nel mondo del turismo. Il Distretto farà sintesi per politiche comuni e condivise con una governance unica che ci assicuri il percorso per favorire lo sviluppo turistico regionale”.

Isernia
immagine

(AGMnews) - Isernia, 28 mag - Dopo l’espletamento della gara e l’aggiudicazione dell’appalto, inizieranno martedì prossimo, 31 maggio, gli interventi di manutenzione ordinaria e programmata delle aree verdi della città. Si procederà con la potatura degli alberi, la pulitura delle aiuole, la sistemazione delle fontane, la riqualificazione delle strutture con i giochi per i bimbi ed altro ancora. «Gli interventi riguarderanno l’intero territorio di Isernia – ha dichiarato il commissario straordinario, dott. Vittorio Saladino –. Si opererà sulla villa comunale, nei parchi e nei giardini pubblici, lungo i viali alberati e nelle aiuole, sulle rotonde con fioriere e nelle pertinenze stradali. A tal fine – ha concluso Saladino –, sono state programmate tutte le operazioni manutentive utili al decoro, alla funzionalità e alla salubrità dei luoghi verdi di Isernia».

Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 28 mag - Il turismo locale accompagnato da una governance attenta e mirata a una visione organica e sistemica pubblico-privato, necessaria per favorire lo sviluppo del settore: nasce il Distretto turistico del Molise orientale. Giovedì sera a Palazzo Vitale la riunione della Conferenza dei servizi, presieduta dal presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura. All’incontro, convocato per delimitare l’ambito territoriale del consorzio attraverso l’adesione formale dei Comuni ricadenti nell’area Molise orientale, hanno preso parte tutti i sindaci dei centri interessanti, il commissario straordinario dell’Azienda di soggiorno e turismo di Termoli, Remo Di Giandomenico, e il consigliere delegato, Domenico Di Nunzio. “Il turismo e il suo sviluppo al centro dell’attenzione e delle scelte del nostro governo regionale: nel Patto per il Molise la scommessa più grande con progetti e interventi per 109 milioni di euro. Forti di questi straordinari strumenti andiamo avanti per promuovere lo sviluppo di un settore strategico per la nostra economia. Il Distretto turistico del Molise orientale nasce con premesse e obiettivi ben precisi, diventare riferimento, con un suo marchio, nel racconto che stiamo intessendo del nostro Molise. Ringrazio tutti i sindaci che hanno accettato, condividendola, questa sfida come una squadra unita e proiettata verso la crescita della nostra regione”, il saluto del presidente Frattura. A fare parte del Distretto turistico “Molise orientale”, i comuni di Acquaviva Collecroce, Bonefro, Campomarino, Casacalenda, Castelbottaccio, Castelmauro, Civitacampomarano, Colletorto, Gambatesa, Guardialfiera, Guglionesi, Larino, Lupara, Macchia Valfortore, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montelongo, Montemitro,  Montenero di Bisaccia, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Palata, Petacciato, Portocannone, Provvidenti, Ripabottoni, Roccavivara, Rotello, Salcito, Santa Croce di Magliano, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Giuliano di Puglia, San Martino in Pensilis, Sant’Elia a Pianisi, Tavenna, Termoli, Trivento e Ururi. “Il Distretto – ha sottolineato Frattura –, accompagnerà le imprese che investono e che investiranno in questo settore, offrendosi quale punto interlocutore certo. È un fatto importantissimo”. Il consorzio, come ha spiegato nel merito il commissario Di Giandomenico, prevede la partecipazione di soggetti pubblici, privati e imprese portatori di interesse nello sviluppo turistico. L’associazione promuoverà mediante un’organizzazione comune lo sviluppo socio-economico del territorio ricompreso nella fascia del Molise orientale; sosterrà attività e processi di aggregazione e integrazione tra imprese e enti pubblici; coordinerà e integrerà i diversi interventi intersettoriali e infrastrutturali necessari alla qualificazione e alla specializzazione dell’offerta turistica e sosterrà le attività produttive legate ai prodotti inseribili nel settore turistico; promuoverà l’adesione delle imprese; identificherà, gestirà e tutelerà il marchio “Molise orientale”. “Avviamo un percorso – ha aggiunto Frattura –, che ci metterà nelle condizioni di favorire le imprese nella costruzione di un’offerta turistica organica e integrata che includa e coinvolga in un sistema di rete un’ampia parte del territorio identificata da un contesto omogeneo per vicinanza, tradizioni e cultura. Da qui partiremo per produrre e offrire in filiera il nostro prodotto turistico”. Per il presidente della Regione “fondamentale in questo senso la nostra capacità di essere uniti, non solo comuni limitrofi, ma ancora di più soggetti pubblici e privati, imprese attive nel mondo del turismo. Il Distretto farà sintesi per politiche comuni e condivise con una governance unica che ci assicuri il percorso per favorire lo sviluppo turistico regionale”.

Campobasso
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 28 mag - Giovedì 26 maggio si è svolta la presentazione della prima pubblicazione sulla storia del Centro Sportivo Italiano in Molise. A Faifoli il lancio del libro – scritto da Noemi Galuppo con l’impaginazione e grafica di Marco Moffa – e fortemente voluto dai dirigenti del Csi, in primis dal presidente Igino Tomasso. La pubblicazione del libro rientra nel progetto dell’Associazione in collaborazione con i consiglieri regionali, Carmelo Parpiglia e Domenico Di Nunzio: “Il Molise che si muove, dal Calcio ai Santuari”. Il libro ripercorre le tappe della storia del CSI in Molise. I momenti chiave, le attività, i progetti, riportati alla luce attraverso le parole, le fotografie storiche e i racconti ed i ricordi di quanti hanno contribuito a far crescere l’Associazione. Il ruolo del Centro Sportivo, soprattutto in favore delle fasce giovanili, è riconosciuto sia a livello regionale che nazionale. Motivi di orgoglio in questo lungo percorso sono l’atletica leggera, il calcio, il Giocasport. La formazione dei ragazzi, l’educazione alla vita, la volontà di lasciare un segno e di essere da esempio alle generazioni future sono sensazioni ed evidenze tangibili in questa raccolta di emozioni che mette al centro le persone e l’amore verso lo sport e verso l’altro. L’amore verso uno sport che è sacrificio, rispetto, dialogo, crescita, chiamata. Ecco allora che - soprattutto per via della crisi della famiglia e della Chiesa quali pilastri di vita - l’esperienza associativa diventa palestra sociale fondamentale per lo sviluppo dei giovani. Chiunque voglia leggere il libro può contattare i dirigenti del Csi in Piazza Molise a Campobasso.

Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 28 mag - Educazione allo sviluppo, è tutto pronto per la Settimana di incontri e confronti organizzata dalla Regione Molise. Dal 28 maggio al 2 giugno prossimi delegazioni straniere saranno coinvolte in una ricca serie di eventi dedicati al valore della cooperazione. Appuntamento centrale delle attività in calendario, la presentazione, lunedì 30 maggio, di tutte le attività internazionali che la Regione Molise sta portando avanti, con un riconoscibile impegno nell’ambito del sostegno costruttivo alle popolazioni più bisognose, a cominciare dai progetti Tchau e Dear passando per il progetto di governance di Adrigov. La manifestazione si terrà a Campobasso nella sede della Fondazione Molise Cultura, dalle ore 10.30, ed è prevista la partecipazione del presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura. Tutto inizia oggi, sabato 28, con l’arrivo a Campobasso della delegazione della città di Salvador da Bahia dove la Regione sta attuando il progetto Tchau, finanziato dall’Unione Europea. L’iniziativa Tchau prevede l’organizzazione di corsi di cucina, musica, canto, danza, teatro creando così opportunità di lavoro per quei giovani che vivono in una realtà a forte disagio sociale. Previsto l’arrivo in Molise dei rappresentanti della Deputazione di Valladolid, lead partner del progetto Dear, finanziato con il programma Europeaid, che ha come obiettivo la realizzazione di una agenda di buone pratiche per l’educazione allo sviluppo da mettere a disposizione dei Paesi Terzi. La Regione Molise, sempre più proiettata e presente nelle attività connesse all’educazione allo sviluppo, ha promosso la campagna di comunicazione “Progettiamo un Molise solidale” che ha coinvolto le amministrazioni comunali, le associazioni, gli Istituti scolastici, le organizzazioni di categoria. Molto significativa e coinvolgente la giornata del 31 maggio con il ‘Villaggio della Solidarietà’ allestito in piazza Municipio dalle Organizzazioni di categoria Coldiretti, Cia e Confcooperative che destineranno il ricavato delle vendite ad azioni aggiuntive al progetto Tchau in Salvador de Bahia. Nel pomeriggio, presso il Palazzo ex GIL, si terrà il Festival internazionale in cui sono impegnati gli Istituti scolastici Pilla, Galanti e Pertini, l’Associazione dalla Parte degli Ultimi che, con i ragazzi di Salvador de Bahia, daranno vita ad uno spettacolo con danze, canti, musiche, poesie, racconti. Negli stessi giorni a Campobasso il meeting conclusivo del progetto di cooperazione territoriale Adrigov, che ha dato alla Regione Molise molto lustro e visibilità non solo nell’area dell’Adriatico –Ionico, e il primo incontro del nuovo progetto “For Pillars”, in cui la Regione Molise è lead partner.

Tag cloud
Rss
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact