Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 28/06/2017 21:48:00
Delitto in corsia, uccide paziente con acido cloridrico, infermiera arrestata dai Carabinieri.
si tratta di Anna Minchella, 45enne, infermiera presso l’Ospedale SS. Rosario di Venafro. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita all'alba

(AGMnews) - Isernia, 29 giu. E’ stata arrestata in data odierna dai Carabinieri per omicidio volontario: si tratta di Anna Minchella, 45enne, infermiera presso l’Ospedale SS. Rosario di Venafro. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari su richiesta della Procura della Repubblica di Isernia, è stata eseguita all’alba di ieri mattina presso l’attuale domicilio dell’infermiera “killer”, nel comune di Ciorlano, in provincia di Caserta. La donna è stata trasferita presso il carcere femminile di Pozzuoli. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dai Carabinieri di Venafro, con l’ausilio del Nucleo Investigativo di Isernia e del RIS di Roma, coordinate da questa Procura della Repubblica, l’infermiera, nel pomeriggio del 22 giugno dello scorso anno, si introduceva all’interno del reparto di lunga degenza, iniettando, con una siringa a spruzzo nel cavo orale di un paziente ricoverato per ictus, Celestino Valentino, 76enne di Pratella (in provincia di Caserta) acido cloridrico, che gli causava gravissime lesioni agli organi interni, per le quali decedeva dopo una settimana di atroci sofferenze, presso l’Ospedale Civile di Isernia, dove era stato successivamente trasferito. Il movente dell’omicidio, ricostruito nel corso dello sviluppo delle attività investigative, rivelatesi particolarmente complesse, appare riconducibile al sentimento di vendetta maturato a seguito di un provvedimento di trasferimento per riduzione di organico, dall’Ospedale di Venafro a quello di Isernia, che l’infermiera non accettava mettendosi in aspettativa, ritenendo di essere stata in qualche modo danneggiata a vantaggio di una sua collega, anch’essa in servizio presso il medesimo Ospedale, figlia della vittima, che proprio per la grave situazione del genitore, a differenza sua, non era stata trasferita. 

Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact