Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 17/07/2017 22:13:00
Sanità, la maggioranza svende l’autonomia del Molise
Iorio favorevole alla bocciatura dell'emendamento sul decreto sanità
(AGMnews) - Campobasso, 18 lug. La mozione presentata oggi in Consiglio regionale serviva a dare una sterzata alla vergogna subita dalla Regione Molise da parte del governo centrale. L’approvazione dell’articolo 34bis con la manovrina in Parlamento che ha trasformato in legge i Piani Operativi Sanitari è stata un’ingerenza dello Stato sulla Regione mai vista nella storia della Repubblica italiana. Approvando la mozione il Consiglio impegnava il presidente della Giunta regionale ad impugnare l’articolo 34bis davanti alla Corte Costituzionale per ripristinare un minimo di legalità su un provvedimento che, di fatto, ha commissariato l’intera assemblea legislativa molisana e che quindi non poteva passare alla chetichella.  In aula si scopre, per stessa ammissione del presidente della Regione e commissario ad acta alla sanità, che l’articolo 34bis non è stato un provvedimento subìto dal governo regionale ma addirittura condiviso. Una vera e propria bizzarria con cui si è negato ai consiglieri regionali di esprimersi in materia sanitaria. La miopia di questo governo regionale non ha mai fine. Così quel che è rimasto di questa maggioranza ormai allo stallo ha portato ad una situazione di parità: 10 a 10 e la mozione per il ricorso alla Suprema Corte non passa. Solo oggi ho capito come mai in questi anni non si è mai accolto il nostro invito di voler mediare e ridiscutere il Piano Sanitario: perché la proposta del Tavolo Tecnico di voler chiudere il 50% degli ospedali pubblici noi non l’avremmo mai lasciata passare. Che ci sia la necessità di fare un accordo per il Piano Operativo è indubbio, ma pensare che quello approvato con legge statale sia l’unico possibile è certamente opinabile. Sicuramente oggi, come eletti nella massima assemblea rappresentativa della Regione Molise, siamo impossibilitati ad intervenire in qualità di rappresentanti del popolo sovrano. In ogni caso non è detta l’ultima parola,  vedremo se ci saranno altre strade da seguire e saremo al fianco di chiunque vorrà e potrà sostituirsi al Consiglio regionale per perseguire la via del ricorso costituzionale per difendere l’autonomia svenduta della Regione Molise e il diritto alla salute dei cittadini molisani. 
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact