Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 02/09/2017 18:12:00
La formazione dei docenti fattore di crescita professionale per garantire il successo formativo degli studenti
A breve inizierà un nuovo anno scolastico.Riflessioni sullo svolgimento delle lezioni e sulla formazione dei docenti
(AGMnews) - Campobasso, 03 set. In questi primi giorni di settembre i docenti delle 55 scuole molisane, come i loro colleghi delle 8.500 istituzioni scolastiche distribuite sul territorio nazionale, si stanno riunendo nei Collegi dei docenti per discutere di programmazione d’inizio anno. Tra gli adempimenti previsti, un tema importante è quello della formazione. La legge 107/15, ha imposto una formazione obbligatoria, continuativa e strutturale, fatta sulla base di prescrittive priorità nazionali che riducono la possibilità per le scuole di scegliere in autonomia il tipo di formazione della quale si ha bisogno in un contesto determinato. Per accedere alle risorse, le scuole devono aderire alle reti di ambito che gestiscono i corsi e stabiliscono le priorità. Sulla formazione ci sono anche i finanziamenti  dei PON, della carta del docente ed altri specifici. Tanti soldi, sui quali c’è un continuo arrembaggio; soldi  che rischiano di essere utilizzati male! Il Piano nazionale di formazione, al quale le scuole devono far riferimento per attivare le loro azioni formative, pone l’attenzione al processo e non alle competenze che gli studenti dovranno maturare. Sono del tutto assenti le riflessioni pedagogiche a supporto delle iniziative formative; non viene delineato un profilo culturale del docente in formazione; manca la connessione tra la sua formazione e l’attività in aula con gli studenti.  L’attenzione è ad una sorta di  scansione burocratica, in cui si spaccia per crescita professionale la compilazione e la conservazione di documentazione che non prevede alcuna ricaduta sulla didattica.  Anche in questo caso gli studenti sono appena citati: solo per la valutazione dei risultati. E’ distante qualsiasi intervento di carattere strategico che voglia intervenire sulle criticità e sappia declinare strumenti, azioni e risorse per consentire di raggiungere gli obiettivi formativi prefissati. Per la formazione e l’aggiornamento professionale è stata istituita la carta del docente. Una somma annuale accreditata con meccanismi farraginosi. Essa è scarsamente utilizzabile in Molise,  essendoci pochi cinema, teatri, librerie e negozi dove spendere questi soldi. Nei nostri territori si è costretti ad acquisti prevalentemente on line, riducendo le opportunità di utilizzazione diretta e  mortificando, anche, di conseguenza, il tessuto economico produttivo locale. Emerge un quadro preoccupante in quanto si afferma un centralismo sempre più prescrittivo e gerarchico dove l’autonomia della didattica  e della sperimentazione viene svuotata; si pensa molto ai processi e poco alla bontà del prodotto (la testa ben fatta di E. Morin); la riflessione pedagogica è assente (quali saperi in contesti socio economici in continua trasformazione?); manca l’attenzione agli studenti ed agli apprendimenti.  Si assiste ad  un aumento delle incombenze e delle prescrizioni, con una conseguente solitudine educativa che non aiuta a superare le criticità esistenti nel nostro sistema scolastico. Ed il dirigente scolastico, fuori dalla collegialità e dalla condivisione, diventa solo uno strumento funzionale alla linea ministeriale. Tutta l’impostazione della formazione dei docenti prefigura un irrigidimento delle funzioni dirigenziali ed una gerarchizzazione all’interno della scuola,  in evidente contrasto con i temi della valorizzazione delle professionalità, della collegialità, delle pratiche didattiche per garantire agli studenti il successo formativo, con l’acquisizione di competenze capaci di orientarli nella complessità del mondo contemporaneo.  Sappiamo quanto tutto questo sia importante anche  nel nostro Molise, nel quale si ha sempre più bisogno di una scuola pubblica di qualità.
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact