Tag Titolo Abstract Articolo
Regione Molise
Due, i mesi di ritardo rispetto alla scadenza del mandato che termina il 25 febbraio pv.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 22 Feb  – Questa mattina, così come preannunciato, il presidente della Regione Paolo di Laura Frattura ha firmato il decreto con il quale convoca per domenica 22 aprile 2018 i comizi elettorali per l’elezione del presidente della Giunta regionale e del Consiglio regionale del Molise.Il decreto sarà trasmesso ai sindaci dei comuni molisani (che ne daranno notizia agli elettori con un manifesto che sarà affisso 45 giorni prima della data del voto), ai prefetti di Campobasso e Isernia, al presidente del Tribunale di Campobasso e al presidente della Corte d’Appello. Il decreto sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Molise.
Regione Molise
immagine
(AGMnews) - Campobasso,21 Feb.  Dopo la vittoria conseguita con l'annullamento della delibera di giunta regionale istitutiva dell'Egam e dei successivi decreti di commissariamento, disposte dal Tar Molise con le sentenze n. 5 e 6 del 2017, si apre un  nuovo contenzioso istituzionale e giurisdizionale tra i Comuni e la Regione Molise, con i primi sulle barricate per contrastare quello che viene definito un "atto di forza da parte della Regione che ha innescato, per la seconda volta, un grave conflitto istituzionale a danno degli enti locali e della popolazione". Comuni contestano, infatti, i decreti di commissariamento del Presidente della Regione per l'adesione forzata all'Egam: un atto, a dire dei sindaci ricorrenti, che viola l'autonomia costituzionale degli stessi Comuni, i quali avevano ritualmente scelto, coinvolgendo i consigli comunali e per essi i cittadini, di non aderire all'istituendo Ente di Governo in quanto illegittimamente costituito. ln particolare, secondo i Comuni, la Regione non ha previsto i costi gestionali di funzionamento dell'Ente e, elemento ancor più grave, non ha dettato gli indirizzi per garantire la futura gestione autonoma da parte degli stessi comuni. Un modo, questo, per indurre i comuni ad aderire all'Egam al "buio", sia rispetto all'impatto finanziario che per il successivo affidamento del servizio ad un gestore unico. Per questi motivi, i Comuni di Campodipietra, Civitanova del Sannio, Pietrabbondante, Belmonte del  Sannio, Roccamandolfi, Acquaviva d'Isernia, Campochiaro e Agnone hanno dato mandato agli avvocati Giuseppe Ruta, Margherita Zezza e Massimo Romano, che avevano già assistito i comuni nella prima fase che aveva visto accogliere i loro ricorsi da parte del Tar Molise, per tutelare anche in questa fase le loro ragioni e quelle delle comunità rappresentate.  Il Commissariamento, infatti, è il primo atto di un processo inesorabile di svuotamento dell'autonomia dei Comuni nella gestione del servizio idrico: poi toccherà alle reti infrastrutturali, che si imporrà di cedere all'Egam gratuitamente e poi l'affidamento del servizio ad un gestore unico che, temiamo, non potrà che essere un operatore economico privato visto che il procedimento di costituzione della società in house, previsto dalla legge come mera possibilità, è ancora fermo al palo e nessuno ne ha più parlato.
Regione Molise
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 19 Feb.  Il bando di gara per l’affidamento della manutenzione delle strutture e degli impianti dei presidi ospedalieri molisani e la fornitura di energia elettrica e combustibile per il loro funzionamento, per come è stato strutturato, sembra contenere alcune lacune che hanno già determinato l’avvio di ricorsi da parte di imprese perché si riveda quanto deciso. In relazione ai requisiti necessari per rispondere alla gara, si potrebbe verificare il mancato rispetto dell’esigenza di suddividere l’appalto in lotti funzionali così da adempiere alla normativa dell’Unione Europea che garantisce la possibilità di partecipazione agli appalti, anche a micro, piccole e medie imprese. Infatti, la procedura di gara indetta dalla Centrale Unica di Committenza della Regione Molise in favore dell’ASREM, ha ad oggetto attività che comprendono sia la gestione e la manutenzione ordinaria delle strutture dei presidi ospedalieri e poliambulatoriali dell’Azienda Sanitaria del Molise, sia la fornitura servizi vari, beni accessori e di consumo, sia quella dell’energia elettrica e, in particolar modo, del combustibile necessario per il funzionamento di tali strutture. Per quanto riguarda queste due ultime voci, esse rappresentano la maggior parte dei costi e ciò può significare un problema serio, se si pensa che quasi tutte le imprese molisane, non sono in grado di rispondere alla gara in questione se non relativamente alla parte riguardante i servizi di manutenzione e non per quanto attiene la fornitura di energia elettrica e di gas naturale o combustibile in genere. Tradotto in soldoni, significa che sono tagliate fuori dalla gara senza appello, nonostante l’articolo 51 del Codice dei Contratti pubblici, preveda la possibilità, come detto, di suddividere l’appalto in lotti, dove anche imprese piccole e medie, possono partecipare in base alle proprie capacità organizzative ed economiche senza dover necessariamente competere con grandi imprese magari extra regionali. Si aprirebbe, in tal modo, una libera e leale concorrenza che, allo stato delle cose, non è possibile aversi, svantaggiando le imprese molisane in quanto impossibilitate, a priori, a rispondere alla gara stessa. Attraverso una interrogazione diretta al Governatore Frattura, ho voluto evidenziare questo problema, chiedendo lumi proprio sulla redazione di tale appalto e, soprattutto, di verificare se esistono le possibilità di modificarlo, affinchè anche le piccole e medie imprese molisane, possano concorrervi. La difficile situazione del tessuto imprenditoriale e produttivo di questa regione, deve passare anche attraverso questioni che, se pur apparentemente piccole, impediscono ad aziende locali di lavorare sul proprio territorio. Verificare se questo bando di gara può essere modificato al fine di favorire la più ampia partecipazione delle categorie o specializzazioni richieste, può rappresentare quel momento di confronto utile e necessario e da più parti paventato, per garantire occupazione proprio in quei settori in cui la crisi è più evidente.”   

 

 

Cliccare sul pdf per leggere l'interrogazione

Isernia
immagine
AGMnews - Isernia, 14 Feb.  In data 12 febbraio us si è riunita la commissione elettorale del Comune di Isernia presieduta dal Sindaco, Giacomo d’Apollonio, e composta dai consiglieri comunali Vittoria Succi, Tonino Antenucci e Giovancarmine Mancini, con  Segretario Caterina Tromba. La  Commissione , in seduta pubblica, ha provveduto alla nomina degli scrutatori che andranno a formare i seggi elettorali in vista delle prossime elezioni politiche del 4 marzo 2018 (verbale n. 10 del 12/02/2018). Il   criterio di nomina adottato all’unanimità dai componenti la CEC è stato fissato nel sorteggio informatico, gestito dal sistema Maggioli, e il sorteggio è stato eseguito tra tutti coloro che attualmente risultano iscritti all’Albo degli Scrutatori, al fine di evitare qualsivoglia forma di favoritismo o privilegio fra gli innumerevoli aspiranti e soprattutto per garantire la massima trasparenza e le pari opportunità. Tuttavia, al fine di limitare quanto più possibile eventuali polemiche o fraintendimenti che da sempre accompagnano la formazione dei seggi che sembrerebbero “..essere formati sempre dalle stesse persone..”, la Commissione Elettorale informa che concorrono alla formazione dei seggi elettorali non solo gli scrutatori nominati con sorteggio da quest’ultima ma altresì i Presidenti di Seggio, la cui nomina è di specifica competenza della Corte d’Appello di Campobasso secondo criteri propri. Ciascun Presidente di seggio ha poi, la facoltà di indicare, a sua volta e in piena autonomia, una persona di sua totale e completa fiducia che andrà a ricoprire la carica di segretario del seggio elettorale e che dovrà coadiuvare il Presidente di seggio nello svolgimento del suo incarico. Preso atto dell’elevato numero di iscritti all’Albo degli scrutatori del Comune di Isernia ( attualmente pari a n. 1764) e al numero notevole di rinunce che spesso seguono le nomine a scrutatore, la Commissione Elettorale Comunale con l’occasione invita tutti coloro che, seppur ancora iscritti nell’albo medesimo e che non abbiano più un reale interesse a rivestire tale incarico, a presentare apposita domanda scritta di cancellazione dall’albo da indirizzare via mail, con pec o semplicemente a mano all’ufficio elettorale del Comune di Isernia. La riduzione del numero degli iscritti dell’albo in questione in seguito alle cancellazioni garantirebbe per il futuro maggiori probabilità di poter essere sorteggiato a coloro i quali, al contrario, hanno un “reale interesse” a ricoprire tale funzione.
 
Cliccare sul sottostante link pdf per leggere i nominativi degli scrutatori
Regione Molise
immagine
(AGMnews)- Campobasso, 13 Feb.  La legge istitutiva dell’Ordine dei Giornalisti ha 55 anni e necessita di una modifica oramai improcastinabile. Tra i punti necessari: la rappresentanza, l’albo con i due elenchi, l’accesso alla professione, l’esclusività, l’esame di stato.La diffamazione a mezzo stampa, il famoso 595, sono più volte che resta nei cassetti delle due Camere, senza una legge definitiva che vieti il carcere ai giornalisti, i quali rischiano fino a 6 anni di reclusione.
Intercettazioni, legge 150/2000 (uffici stampa nella P.a.), le forme di sostegno all’editoria (radio, tv, editoria elettronica, carta stampata, piccola editoria), il diritto d’autore nell’editoria, sono leggi e temi che vanno affrontati, specie per quelle realtà come il Molise che necessitano di particolare attenzione e tutela. A tal riguardo i consiglieri nazionali dell’ordine del Molise Vincenzo Cimino e Cosimo Santimone chiedono ai candidati nei collegi molisani al Parlamento, di formalizzare una manifestazione di intenti, di impegno nei settori suindicati, concertando con i sottoscritti e l’Ordine dei Giornalisti, delle fattive proposte di legge ed emendamenti alle leggi esistenti.
I candidati invitati sono tutti, ma in primo luogo, i giornalisti candidati, già di per se espressione della categoria: Aida Romagnuolo, Luigi Mazzuto, Mario Pietracupa, Pietro Eremita e Matteo D’Errico.
Allora, chi aderisce e lo rende pubblico? ...chiosano Cimino e Santimone.
Isernia
immagine
(AGMnews) - Isernia, 12 Feb.  Sold out in pochi giorni, un concerto strepitoso, Massimo Ranieri ha incantato l'Auditorium "Unità di Italia" di Isernia stracolmo di fan davvero entusiasti per lo spettacolo "Sogno o son desto". Grazie ad una energia coinvolgente che ha caratterizzato tutto lo spettacolo, Massimo Ranieri ha alternando recitazione e canto, ballo e teatro napoletano, musica e voce da brividi.Lo spettacolo è stato un inno alla vita, all'amore e alla speranza, un viaggio affettuoso, spettacolare e sorridente attraverso grandi canzoni, racconti particolari e colpi di teatro. La Fondazione Molise Cultura ha collezionato l'ennesimo successo. I protagonisti non sono i vincitori o le imprese degli eroi, ma i sognatori e la vita di tutti. Nel duplice ruolo di attore e cantante, Ranieri ha portato in scena a Isernia il teatro umoristico e le piú celebri canzoni napoletane, non sono mancate, accanto ai suoi successi cantati a squarciagola dal pubblico di Isernia, novità musicali e sorprese teatrali. Commovente il ricordo di Pino Daniele cosi come . Lunghi applausi nel finale per Ranieri e i musicisti che lo hanno accompagnato per un indimenticabile concerto. 
Isernia
immagine

(AGMnews) -Isernia,01 Feb. Inizia il nuovo anno per i giovani arbitri in forza all’organo tecnico sezionale con il tradizionale raduno di metà stagione che oltre a rappresentare il giro di boa per tutti i campionati del Settore Giovanile e Scolastico, è un importante appuntamento di crescita tecnica e atletica per l’intero gruppo. Il momento di verifica della preparazione atletica si svolge, come di consueto, sulla pista dello Stadio Lancellotta di Isernia, dove i giovani fischietti pentri, spronati e guidati dai componenti del consiglio direttivo sezionale e dal presidente Domenico De Falco, hanno svolto i rituali test atletici, lo sprint sui 40 metri e lo Yo-Yo Test, evidenziando una buona preparazione atletica, requisito fondamentale per ogni Arbitro. Al rientro nei locali sezionali, i ragazzi, hanno visionato alcuni filmati delle loro gare commentando, loro stessi, gli errori commessi, grazie ad una capacità di autocritica, funzionale alla crescita tecnica. Hanno approfondito la differenza interpretativa tra i vari casi di DOGSO con le relative sfaccettature inerenti il provvedimento disciplinare. Un particolare focus è stata riservato all’interpretazione regolamentare e all’intervento disciplinare su episodi di SPA (Stop Promising Attack), di novissima introduzione con la circolare 1 di questa stagione sportiva. I ragazzi, nel prosieguo dei lavori, insieme agli osservatori arbitrali, hanno potuto misurare la loro conoscenza regolamentare attraverso l’effettuazione dei quiz tecnici, superati con un buon risultato generale. Al termine del momento di verifica atletica e tecnica, il raduno è entrato nel vivo grazie al contributo del presidente Domenico De Falco e dei suoi collaboratori, impegnati a ripetere le disposizioni impartite ad inizio stagione, sulle quali i ragazzi hanno avuto maggiore difficoltà di applicazione e in particolare, sulla corretta stesura del referto di gara che deve essere un momento molto importante e da effettuare con la dovuta precisione e professionalità. Ovviamente non sono mancati i supporti video forniti dal Settore Tecnico che hanno stimolato l’attenzione dei ragazzi e degli osservatori in aula, impegnati ad intervenire nei casi pratici e a confrontarsi su situazioni controverse. Un altro momento fondamentale del raduno è stato il confronto tra gli Arbitri e gli Osservatori, che ha portato ad una riflessione costruttiva su come affrontare il colloquio di fine gara. Particolare importanza è stata data all’occasione di crescita per gli Arbitri concessa dalla visita di un osservatore nello spogliatoio, divenuto sempre più parte integrante del team arbitrale e principale artefice della maturazione di ogni ragazzo a disposizione dell’organo tecnico sezionale. Al termine del raduno, il presidente De Falco non può che ritenersi soddisfatto della crescita del gruppo che, con il lavoro degli organi tecnici e degli osservatori, sta gettando delle cementificate basi su cui fondare un futuro arbitrale che si auspica sia roseo e pieno di soddisfazione per l’intera classe arbitrale isernina

Lazio Meridionale
immagine
(AGMnews) - Fondi (LT), 16 set. Lettera aperta del Sindaco di Fondi Salvatore De Meo: «Cari concittadini, a seguito dei tragici eventi dei giorni scorsi che hanno visto allagamenti ed alluvioni martoriare il territorio nazionale, desidero esortare tutti noi ad una maggiore consapevolezza dei possibili rischi che possono interessare il nostro territorio. Ciascuno deve fare la propria parte, perché solo agendo insieme si possono fronteggiare eventuali momenti di emergenza. Le Istituzioni devono fare il massimo possibile affinché i tragici effetti derivanti da tali eventi siano scongiurati, ma al tempo stesso la comunità deve considerarsi parte attiva assumendo il proprio ruolo sociale. Solo attraverso la sinergica cooperazione fra l’Ente locale e i cittadini si perverrà pertanto ad una maggiore consapevolezza e sicurezza. Per prevenire gli effetti rovinosi di tali eventi bisogna, ad esempio, provvedere alla pulizia di controfossi e caditoie nelle aree di proprietà per facilitare il deflusso delle acque meteoriche, pulire e manutenere regolarmente i terreni e le aree private per prevenire incendi, verificare la necessità di installare pompe di sollevamento delle acque piovane negli scantinati per evitare allagamenti e ogni altra azione ritenuta utile per prevenire eventuali rischi. E’ fondamentale inoltre tenere in vista nella propria abitazione i numeri utili da contattare in caso di emergenza; non uscire di casa se le condizioni meteorologiche sono particolarmente avverse e tanto più se in via di peggioramento; verificare che tutte le persone che vivono con noi sappiano cosa fare e che anche i bambini conoscano i comportamenti da adottare; conoscere le aree di attesa della nostra città, ovvero quei luoghi di prima accoglienza dove sarà garantita assistenza alla popolazione negli istanti successivi all’evento calamitoso oppure in conseguenza di segnalazioni nella fase di allertamento (piazza Purificato, parcheggio antistante l’ITE de Libero, parcheggio di viale Piemonte nei pressi del MOF, piazzale della Croce Rossa antistante lo stadio comunale, piazzale Evangelista, piazza S. Anastasia). Nel rispetto delle vigenti normative il Comune di Fondi ha predisposto ed approvato il PEC - Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile, presentato in un incontro pubblico nel Febbraio scorso, e attuerà una campagna informativa e divulgativa che comprenderà ulteriori incontri pubblici, a cui vi invito sin da ora a partecipare attivamente per una ottimale condivisione del PEC, e attività presso gli Istituti scolastici. E’ nostro dovere tenervi costantemente informati, e pertanto sappiate che nella sezione “Comune informa - ultime news” presente sull’home page del sito internet istituzionale del Comune di Fondi (www.comunedifondi.it) troverete in caso di emergenze notizie aggiornate sugli sviluppi e sull’evoluzione delle stesse, informazioni utili sui comportamenti da adottare e sui numeri da contattare, indicazioni su eventuali divieti e particolari precauzioni. Nella home page del sito del Comune abbiamo inoltre predisposto un’apposita sezione della Protezione Civile comunale (http://www.comunedifondi.it/protezione-civile-regione-lazio.php) cui si accede cliccando sul relativo banner. Vi chiedo di consultarla periodicamente perché è possibile trovarvi costantemente informazioni sul PEC, sulle norme di comportamento in caso di emergenza, sulle attività di prevenzione e previsione dell’emergenza come i bollettini di allerta meteo regionale, cui bisogna prestare sempre la massima attenzione. La Zona di Allerta di appartenenza del Comune di Fondi è quella “F - Bacini costieri Sud”. E’ importante che si consolidi in tutti noi la cultura della responsabilità, poiché da essa dipendono la nostra sicurezza e il bene della comunità».
Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 16 set. “Un nuovo centrosinistra per unire l’Italia”  è il titolo del summit che il Ministro Andrea Orlando terrà a Roma il 16 settembre con Giuliano Pisapia e il Ministro Carlo Calenda. L’occasione è quella di presentare la sua corrente: Democrazia Europa Società, e cercare di ricompattare un nuovo centrosinistra, per costruire un progetto di governo libero dai vincoli delle larghe intese e provare a vincere le prossime elezioni politiche. Del resto il Ministro Orlando ha fatto  dell’unità del Partito Democratico e quindi dell’Italia,  la sua battaglia alle scorse Primarie e non a caso il suo slogan è stato “Unire l’Italia, unire il PD” . “Una casa divisa non può reggere”, sono ancora le sue parole e “solo l’unione di intenti porta a risolvere i divari economici, sociali e territoriali. Il centrosinistra deve riscoprire la questione sociale. È tempo di ricucire le ferite.”  Questa, è, a mio avviso, un’occasione che aprirà un forte dibattito facendo  aprire gli occhi anche a chi, a livello territoriale, opera e vuole continuare a farlo, esclusivamente per il bene comune e lontano da certe logiche affaristiche che non portano alla crescita dell’Italia e quindi  del Molise. Che, così come è stato per le Primarie, sarà presente a questo incontro, ho accettato di buon grado l’invito rivoltomi , perché ritengo giusto rappresentare le istanze e partecipare ad  un progetto di crescita facendo valere anche le idee di una regione che sta vivendo seri problemi economici e sociali ai quali devono essere date le giuste risposte.”
Regione Molise
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 16 set. Area di crisi: dal 18 ottobre al via la presentazione delle domande per la prima tranche di 15 milioni di euro attivata a valere sulla legge 181/1989 in attuazione del progetto di riconversione e riqualificazione industriale, a sostegno di una o più iniziative imprenditoriali, nell’area di Venafro-Campochiaro-Bojano”. Lo comunicano il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, e l’assessore alle attività produttive, Carlo Veneziale.  “Dopo l’approvazione del piano di riconversione e riqualificazione industriale (Prri) e la sottoscrizione dell’Accordo di programma – spiegano -, oggi entriamo nel vivo di questa misura di sviluppo che consentirà la ripresa occupazionale, economica e produttiva del Molise. Un impegno rispettato dal Governo che arriva dopo un lungo lavoro di condivisione con il Ministero dello sviluppo economico e Invitalia. Un impegno – concludono Frattura e Veneziale -, che oggi rispettiamo anche noi con il nostro territorio”. Il bando sarà pubblicato sul sito del soggetto attuatore, Invitalia s.p.a. 
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact