Tag Titolo Abstract Articolo
immigrazione
Lunedì il Vertice, a cui ha partecipato anche l’Alto rappresentante della Politica estera Ue, Federica Mogherini
immagine

(AGMnews) - Bruxelles, 15 ott - Questione migranti, l’Unione europea si accinge a svolgere un ruolo da protagonista. È quanto emerso dal Comitato delle Regioni, riunito in sessione plenaria lunedì a Bruxelles. A darne comunicazione Enzo Bianco, sindaco di Catania e presidente della delegazione italiana al Comitato delle Regioni, intervenendo oggi pomeriggio a Bruxelles, dopo l’Alto rappresentante della Politica estera Ue, Federica Mogherini, che ha sottolineato la rinnovata attenzione che le istituzioni europee rivolgono ai territori, alle città, alle comunità locali sull’emergenza immigrazione. Per Bianco il futuro dell’Europa dipende in buona parte da come saprà affrontare questo tema. Micaela Fanelli, sindaco di Riccia (CB) si posiziona sulla stessa lunghezza d’onda, condividendo l’ottimismo del Presidente Bianco: «Abbiamo condiviso la necessità di un maggiore impegno degli stati e dell'UE in sinergia con l’impegno dei territori. Si procede decisi verso il cambio delle regole europee e questo è un fatto molto positivo». Fanelli ha presentato un emendamento, poi approvato, al parere sul bilancio 2016 Ue, con cui chiede che siano stanziate maggiori risorse per l’immigrazione esprimendo «una grande soddisfazione per il contributo offerto da tutti noi alla discussione sul tema più difficile. A Termoli, nell'ambito della festa del Pd, abbiamo lanciato in modo forte un messaggio di accoglienza. I territori, i comuni, si stanno dimostrando meno egoisti degli Stati e dell'Europa, ma con la caparbietà che soprattutto noi italiani sappiamo mostrare. Oggi anche il Partito Socialista Europeo sostiene la nostra battaglia, adesso tocca alle istituzioni». Dunque l’Europa ha un nuovo approccio al tema dell’immigrazione. E in questo cambio di rotta il passaggio in Comitato delle Regioni, il voto sul bilancio europeo, la discussione con la Mogherini e la risoluzione finale che il Comitato stesso assumerà a dicembre costituiscono snodi decisivi.

Paesi & UE
Il viceministro alle Infrastrutture e Segretario PSI: "C'è uno spiraglio, l'Italia deve allargarlo"
immagine

(AGMnews) - Roma, 9 lug - "Uno spiraglio. L'Italia deve allargarlo. Nessuna convenienza a generare nuove tensioni nell'Unione europea, nessuna convenienza a fare della Grecia una potenziale Cuba del Mediterraneo, nessuna convenienza a ritenere immutabili parametri inadatti a risolvere crisi di questa portata. Ma la Grecia faccia la sua parte". Lo ha scritto sul suo profilo Facebook Riccardo Nencini, segretario del Psi.

economia & sviluppo
L'europarlamentare Aldo Patriciello “Uno strumento fondamentale per lo sviluppo del Molise”
immagine
Redazione

Campobasso. “Dotare le nostre regioni degli strumenti idonei per usufruire al meglio delle opportunità di finanziamento che giungono dall’Europa è senza dubbio il miglior modo per tornare ad investire nella crescita e nello sviluppo del territorio. L’apertura dello ‘Sportello Europa’ risponde a questa finalità e spero vivamente che possa rappresentare per il Molise non solo un importante centro di informazione e consulenza per tutto ciò che riguarda i fondi europei, ma sappia essere allo stesso tempo un laboratorio di idee, opinioni e nuove progettualità capaci di dare nuovo slancio all’intera economia regionale”. Queste le parole di Aldo Patriciello, europarlamentare molisano di Forza Italia, per commentare l’apertura dello “Sportello Europa”, nato da un accordo tra Regione Molise e Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea e presentato a Campobasso da Vicenzo Cotugno, consigliere regionale delegato alla Programmazione. L’eurodeputato forzista, impossibilitato a partecipare a causa di impegni istituzionali assunti precedentemente, non ha voluto far mancare il proprio sostegno ad un’iniziativa che - nelle sue parole - “assume un’importanza strategica, soprattutto in un periodo di grave crisi economica come quello che stiamo attraversando. La tenuta dei conti pubblici italiana, infatti, – spiega Patriciello – non garantisce un adeguato sostegno finanziario dal punto di vista degli investimenti. Credo, dunque, che un corretto e puntuale utilizzo deI fondi europei rappresenti una priorità assoluta se si vuole davvero invertire la rotta ed imboccare il sentiero della ripresa economica. L’apertura di uno ‘Sportello Europa’ nella nostra Regione – conclude l’europarlamentare molisano – va nella giusta direzione, essendo un valido strumento di orientamento per le strategie di sviluppo del territorio. Come parlamentare europeo e come cittadino molisano ritengo fondamentale collocare la nostra capacità di fare impresa all’interno di una consolidata dimensione europea, creando in tal modo un legame costante tra mondo dell’imprenditoria, università, istituzioni e Unione Europea in grado di valorizzare al meglio tutte le potenzialità del Sistema Molise”.
politiche comunitarie
Le parti interessate, tra cui anche gli imprenditori e le organizzazioni imprenditoriali molisane potranno partecipare alla consultazione entro il 15 dicembre
immagine
E.R.

Campobasso: Lanciata l’8 settembre dalla Commissione europea, una consultazione pubblica per raccogliere indicazioni per l'aggiornamento dello Small Business Act (SBA).
Lo Small Business Act fu adottato nel giugno 2008 dall'Europa riflettendo la volontà politica della Commissione di riconoscere il ruolo centrale delle PMI nell'economia europea e ponendo in atto un quadro politico globale per le PMI , al livello comunitario e degli Stati membri.
Già la scorsa primavera, le organizzazioni europee di business e gli Inviati nazionali delle PMI (SME Envoy) hanno convenuto sull’opportunità di mantenere, nel futuro aggiornamento dello SBA, i quattro pilastri esistenti nell’attuale versione: accesso ai finanziamenti, accesso ai mercati / internazionalizzazione, sostegno all’imprenditorialità, migliore regolamentazione. Per superare il divario di competenze sentito in molte delle economie europee si è anche convenuto di aggiungere un quinto pilastro: assicurare la formazione degli imprenditori e personale qualificato. 
La consultazione pubblica lanciata dalla Commissione cerca un ulteriore input da tutte le parti interessate, tra cui gli imprenditori e le organizzazioni imprenditoriali, per  garantire uno SBA in grado di affrontare le sfide future.
La consultazione si concluderà il 15 dicembre 2014. Attualmente il questionario è disponibile solo in lingua inglese ma, nei prossimi giorni, verrà tradotto anche in Italiano.
stampa & giornalismo
Il Corso è stato ospitato nella sala del Parlamentino di Palazzo Vitale dal 29 settembre al 1 ottobre. Centodieci i partecipanti tra studenti universitari, giornalisti e comunicatori
immagine
Luca Dragonetti

Campobasso. Ospitata nel capoluogo molisano la formazione sul giornalismo e le politiche europee, ha riscosso grande interesse e partecipazione nella sua formula di tre giorni full immercion. Tra i relatori di spicco dell’informazione, della comunicazione e del giornalismo e i tanti partecipanti, la regione Molise può dirsi soddisfatta dell’iniziativa. 
Immediata  la risposta sin dai primi giorni di apertura del form d’ iscrizione, a cui hanno aderito professionisti del settore del giornalismo, blogger e giovani interessati ai temi giornalistici e alle politiche comunitarie. 
La Sala del Parlamentino di Palazzo Vitale, che dal 29 settembre al 1 ottobre ha ospitato il corso “Giornalismo e politiche europee”, organizzato da Regione Molise, TIA Formazione Internazionale e da AdriGov, progetto che punta a capitalizzare le reti di cooperazione esistenti e le diverse iniziative come supporto operativo al processo politico che comprende l’Euroregione adriatica e la Macroregione Adriatico- Ionica, ha assistito ad un seminario di eccellenza sulle tematiche del giornalismo europeo. 
Partner dell’iniziativa altamente formativa, il Formez PA, il Dipartimento delle Politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Presidenza italiana del Consiglio dell’Ue, l’Ipa Adriatic e con il patrocino della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, della Conferenza delle Regioni e patrocinio post evento dell'Ufficio in Italia del Parlamento europeo. 
Confermata nella quasi totalità la partecipazione in platea, che si è dimostrata parte attiva durante i dibattiti delle tre giornate. Centodieci i partecipanti tra studenti universitari, giornalisti e comunicatori. Presenze di assoluta eccellenza, esperti di giornalismo, informazione ed esponenti istituzionali hanno preso parte al tavolo dei relatori, parlando di Europa, analizzando il "prisma" Europa in tutte le sue sfaccettature. Da Giampiero Gramaglia a Giorgio Giovannetti, da Andrea Ciaffi a Giovanni De Negri passando per Andrea Maresi, Giacomo Robustelli, Massimo Persotti e Stefano Mirabelli. Successo dunque. Successo che deriva da una maggiore voglia di Europa da parte dei giovani, ma un successo rintracciabile anche nel bisogno di informarsi, nella necessità da parte dei giornalisti, dei professionisti del settore dell'informazione, di conoscere per far conoscere, e soprattutto capire, una realtà nella quale noi tutti siamo immersi ma di cui spesso non se ne comprendono i meccanismi. 
Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact